Industria alimentare

GLI INVESTIMENTI NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE

Cibusbank investe nel

  • Settore affettatrici 
  • Settore lavorazione della carne 
  • Settore macchine agricole 
  • Settore trasformazione agroalimentare 
  • Settore per la conserva alimentare
  •  Settore macchine vending 
  • Settore frigorifero e accessori per la cucina 
  • Settore industria del filling

Cibusbank the first food bank in the world

E’ L’Insieme di tutte le imprese che si dedicano alla produzione di bevande o alla realizzazione di altri prodotti finiti e semilavorati attraverso la lavorazione e la trasformazione di prodotti provenienti da attività primarie quali l’agricoltura, la zootecnica, la silvicoltura e la pesca, destinati al consumo più o meno immediato da parte degli esseri umani o degli animali.

Originariamente, queste trasformazioni avevano carattere tipicamente artigianale e agricolo ed erano considerate attività agrarie, perché si svolgevano in un’azienda agricola. Successivamente, si sono adottati processi industriali per la produzione degli alimenti e la trasformazione delle materie prime in prodotti, meccanizzando le operazioni e razionalizzando le fasi dei processi.

La locuzione industria alimentare assume differenti significati a seconda del contesto in cui è utilizzata:

Nell’accezione più generale (senza plurale), indica quel settore del mercato composto dalle imprese che si dedicano alla lavorazione e trasformazione di prodotti provenienti da attività primarie quali l’agricoltura, la zootecnica, la silvicoltura e la pesca, oppure, in seconda battuta, di semilavorati ottenuti come detto, per realizzare prodotti finiti da destinare, a fronte di un adeguato condizionamento/confezionamento, al mercato, e quindi al consumo, alimentare.

Spesso la locuzione è utilizzata anche per indicare la singola azienda che svolge le attività sopra descritte.

A volte, impropriamente, si usa come sinonimo di stabilimento, opificio, fabbrica (specificatamente “alimentare”).

Secondo la classificazione ATECO dell’ISTAT, l’Industria Alimentare viene collocata tra le Attività Manifatturiere, espressione un po’ obsoleta che si rifà certamente ai primi opifici di qualche secolo fa, ma che potrebbe tranquillamente essere sostituita da Attività Industriali.

Tali attività si qualificano, anche se non sempre in modo chiaro ed univoco, per una serie di caratteristiche quali:

produzioni standardizzate di serie

presenza di sistemi di movimentazione e trasporto interno automatizzati

uso di macchine, o semplicemente di sistemi meccanici, collegati tra loro a formare linee di produzione

suddivisione dell’attività aziendale in compiti specifici quali l’amministrazione, gli acquisti, la manutenzione, la conduzione di impianti, il controllo, la commercializzazione

insomma tutto ciò che l’uomo moderno ha inventato per perseguire soprattutto due obiettivi: la riduzione dei costi ed il consumo di massa.